Una difficile soluzione per i Rom a Catanzaro

articoliutenti1Non penso che ci possa essere una soluzione per i rom o sinti (chiamateli come volete).
Non ci si può “affragare” diciamo noi a Catanzaro, per gente che vuole vivere di espedienti (guadagnano certamente molto senza lavorare) e si oppone a qualsiasi soluzione legale. Avete letto del quartiere Aranceto? Avete letto che le forze dell’ordine vengono minacciate perchè è terra loro e non si può controllare?
Hanno le case (gli italiani no) e neanche con questo si è riusciti a non farli delinquere. Su tutti gli articoli della cronaca nera, ci sono sempre gli stessi cognomi e appartengo a costoro.
Il buonismo non serve a niente, ma il buonismo non è dei cittadini che ne han piene le tasche, ma dei nostri governanti a cui questa situazione non da fastidio o “peggio”. Noi non possiamo essere della stessa opinione perché ne subiamo le conseguenze (vedi Pontepiccolo donna uccisa in casa per rapina e altro).
La soluzione è far rispettare con forza e serietà le leggi del vivere civile.
Dittatura è invece imporre ai cittadini di convivere (rischiando molto) con gente che vuole il denaro facile senza farsi alcuno scrupolo.
Comunque non è questa mia lettera che vuole convincere qualcuno, sappiamo tutti che il 90% dei cittadini la pensa ancora peggio.

Pina Cristoforo

ARTICOLO CORRELATO
Banchetto informativo di Forza Nuova sulla tematica Rom a Lamezia Terme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.