Alimenti senza etichetta e buste di plastica illegali nei mercati del catanzarese, sequestri e sanzioni

Alimenti venduti senza etichetta, uso illegale di buste di plastica, abbandono dei rifiuti e animali senza microchip. Sono alcuni dei risultati di controlli straordinari attuati dai militari delle stazioni Carabinieri di Catanzaro e di Taverna con mirati servizi di controllo nei settori della tutela agroalimentare, della tutela degli animali e, in materia di rifiuti, sul grave fenomeno di abbandono degli autoveicoli e sul corretto utilizzo delle buste di plastica usate per la commercializzazione anche degli alimenti.

In particolare nei controlli al mercato di Catanzaro lido le stazioni Carabinieri forestale di Catanzaro e Taverna con la collaborazione di personale del Dipartimento prevenzione dell’ASP di Catanzaro, hanno accertato che degli alimenti erano venduti allo stato sfuso privi di qualsivoglia etichetta. Complessivamente sono stati sottoposti a sequestro amministrativo quasi 25 chilogrammi di alimenti quali, formaggi, ricotte, capicollo e prosciutti.

Nello stesso mercatino è stato inoltre accertato l’uso illegale di buste di plastica prive dei marchi e delle indicazioni previste dalla legge, che concorrono in maniera rilevante all’enorme diffusione nell’ambiente delle microplastiche, con il sequestro amministrativo di circa 12 chilogrammi di buste. I controlli in materia di rifiuti, sono stati conclusi anche con l’individuazione di sei auto in evidente stato di abbandono e dei relativi proprietari.

Nel settore della tutela animale sono stati individuati numero 7 cani privi di microchip ed iscrizione all’anagrafe canina ed i relativi proprietari. Complessivamente, oltre ai sequestri amministrativi eseguiti, sono state contestate violazioni amministrative per un importo pari a 12.000 euro, dei quali 10.000 concernenti i rifiuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.