Contromano sulla A2, muore 80enne: coinvolta famiglia calabrese, grave la mamma

È di un morto e cinque feriti il bilancio di uno spaventoso incidente stradale avvenuto nella tarda mattinata di ieri, sulla corsia nord dell’autostrada A2 del Mediterraneo, al chilometro 98, a pochi chilometri dall’area di servizio di Sala Consilina.

A perdere la vita è stato Giovanni De Rosa, un uomo di 80 anni di Scafati che era alla guida di una Fiat Punto. L’uomo, stando ad una prima ricostruzione effettuata dagli agenti della Polizia Stradale, in base alle testimonianze di alcune persone che si trovavano in sosta sull’area di servizio, ha percorso almeno 3 chilometri contromano prima di scontrarsi frontalmente con un’Audi, a bordo della quale viaggiava una famiglia calabrese proveniente da Seminara, piccolo Comune in provincia di Reggio.

A bordo dell’auto c’erano marito e moglie in compagnia di tre figli. Lo scontro è stato violentissimo: nell’incidente è rimasto coinvolto anche un mezzo pesante, un’autocisterna, il cui conducente è rimasto illeso. Dopo l’impatto, le due auto sono diventate un groviglio di lamiere. Alcuni automobilisti in transito si sono fermati per prestare i primi soccorsi ed allertare la Polizia stradale ed il 118. Dopo pochi minuti, sul posto sono arrivati gli agenti della Sottosezione della Polizia Stradale di Sala Consilina, comandati dall’ispettore superiore Rufino Tortora, il personale dell’Anas, le ambulanze del 118 ed i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, che sono stati impegnati per diverso tempo nelle operazioni di estrazione del corpo.

Per De Rosa, purtroppo, non c’è stato niente da fare: il pensionato è morto sul colpo. La famiglia calabrese, invece, è stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla.
Ad avere la peggio è stata la madre dei tre bambini, che è stata ricoverata in codice rosso. In seguito a quanto emerso dagli esami diagnostici, i medici hanno ritenuto necessario intervenire chirurgicamente per alcune lesioni degli organi interni in seguito all’impatto. Le condizioni della donna di 43 anni, che è in prognosi riservata, sono molto gravi. Invece non sono in pericolo di vita il marito ed i tre bambini: uno dei piccoli è stato trasferito a Polla per una frattura al naso.

La Polizia sta verificando se l’80enne ha imboccato contromano l’autostrada dallo svincolo di Atena Lucana, percorrendo così circa 11 chilometri nel senso opposto di marcia, o se ha fatto inversione all’altezza di una delle piazzole di sosta. «Quella che ci siamo trovati davanti – ha raccontato un automobilista – sembrava la scena successiva all’esplosione di un’autobomba. Le auto distrutte e pezzi di plastica e lamiera sparsi ovunque. Oggi io sono rinato, perché sarebbero bastati pochi secondi e nello scontro sarei rimasto coinvolto anche io».