Il paziente inglese

pazienteingleseEra un film di qualche anno fa, piuttosto noioso e di eccessivo successo sui giornali e zero pubblico, come succede ai film intellettualistici. Ne parlo qui perché funzionava in questo modo: ambientato durante la Seconda guerra mondiale, un pilota britannico si becca una pallottola germanica e viene “curato” da un’infermiera italiana.
Ripeto: il valoroso aviatore è inglese o scozzese o gallese; il valoroso artigliere che lo fionda è tedesco; italiana, la brava fanciulla paciosa, prosperosa e disponibile. Ci manca solo il mandolino del capitano Corelli… ma giuro che un film imbecille del genere è stato girato, con un ufficiale italiano che occupava un’isola greca portando sulla spalla non un mitra ma proprio un delicato e malinconico strumento musicale. Due figure di non vi dico!
Volete che ci piglino sul serio, e proprio oggi, poi, che è l’8 settembre 2015, anniversario di Badoglio? Cameroon ha mandato un bel drone ad ammazzare sul posto due “cittadini britannici” (sulla carta d’identità, britannici!) passati all’ISIS, e se n’è fregato di processi e garantismi. Da noi, a quest’ora, sesto grado di giudizio, libertà provvisoria, e intanto interviste a Porta a porta, Mattino in famiglia e Domenica sportiva… ovviamente assieme a don Mazzi. Chi volete che prenda sul serio l’Italia?
Hollande è già in guerra; ed ecco che Badoglio Bis, per non rischiare di arrendersi come quello originale, dichiara subito che noi, l’Italia, non ci andiamo; se la Francia e la Gran Bretagna vincono, manderemo un telegramma di congratulazioni; se perdono, peggio per loro, anzi non li abbiamo mai sentiti nominare. Badoglio! Don Abbondio.
Non mi venite ad ammorbare con l’art. 11: è dal 1980 che mandiamo truppe, navi e aerei in zone di guerra, e, Nassiriya esclusa, spariamo come dannati in Albania, Bosnia, Iraq, Afghanistan, Libano; e non abbiamo fatto cattiva veduta; c’è andata male in Somalia, ma fu un pasticcio combinato dagli Americani. Gli italiani non demeritano, con le armi in mano, se non ci si mette di mezzo la politica.
È che, in questo 2015, comandano tutti tranne lo Stato; e la sola idea di interventi per colpire il terrorismo e impedire il traffico di esseri umani getta nel panico parecchie categorie di buonisti e di affaristi, compresi quelli che hanno sbolognato l’albergo ai clandestini, cioè alla vacca da mungere del governo, invece di affannarsi a trovare clienti paganti veri.
Se l’Europa intervenisse in Siria e in Libia, ottenendo ordine e pace, tanti e poi tanti resterebbero senza occupazione: scafisti e “volontari”.
Ma l’Europa non esiste, è solo un mucchio di burocrati ottusi e superstipendiati; non ha una politica estera; non ha una politica militare; ed è piena di Badogli e di badogliani.

Ulderico Nisticò

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.