Il progetto “Dance: Dancing Across New Common Emotions” a Vallefiorita

vallefiorita1Appena terminato lo scambio giovanile con i ragazzi provenienti dall’Albania, dalla repubblica della Macedonia e dalla regione del Balikesir in Turchia, i giovani di Vallefiorita si apprestano a realizzare il progetto DANCE con la partecipazione di ragazzi e ragazze provenienti dall’ Armenia, dalla Moldova e dalla Bulgaria.
Questo meeting giovanile trans europeo, come altri realizzati a Vallefiorita, è stato promosso dall’associazione Terra di Mezzo (Italia) in collaborazione con le associazioni giovanili Creatorii (Moldova), Iniziative Art Today (Armenia) e Professional Forum for Education (Bulgaria).
L’incontro tra i giovani, che si colloca nel programma Erasmus+ 2014-2020, vuole promuovere lo scambio di conoscenze e di informazioni sulle rispettive culture a partire dalle danze tradizionali. Come nel progetto Culture and diversity l’Associazione si avvarrà della preziosa collaborazione del gruppo I tarantuli di Gasperina che insegnerà ai partecipanti i passi base della tarantella e preparerà una coreografia da mettere in scena.
L’obiettivo principale è insegnare al corpo a muoversi ascoltando i propri ritmi interni e quelli esterni e facilitare la comunicazione tra i giovani che usano il linguaggio del corpo per comunicare. Il ritmo musicale diventerà l’occasione per sollecitare il corpo ad esprimere le sue emozioni. La storia ci insegna che la danza è la prima espressione artistica del genere umano; essa ha giocato un ruolo importante durante i rituali antichi, è stata un modo per pregare e stare insieme in un gruppo o in una comunità e, in ogni momento storico, la danza ha rappresentato un’occasione di aggregazione per le persone. Gli organizzatori dell’iniziativa si augurano che proprio in questo momento storico, caratterizzato dai conflitti e dalla difficile convivenza, ancora una volta la danza diventi un’occasione per aprirsi al mondo e capirsi meglio.
Il progetto, coordinato da Patrizia Fulciniti, Micaela Papa, Lilit Stepanyan, Ion Bondari e Kristiana Tsenkova, si propone di introdurre i giovani partecipanti ad alcune danze tipiche dei paesi partner e di creare una danza che utilizzi i passaggi fondamentali e le posizioni ispirate alle danze tradizionali dei rispettivi paesi per inventare e rappresentare una nuova danza in grado di comunicare le proprie emozioni.

L’incontro tra i 30 giovani partecipanti inizierà il 27 luglio e terminerà il 5 agosto con una performance finale e una danza collettiva presso l’open space della biblioteca di Vallefiorita.
Il progetto continuerà anche nei mesi successivi con un’attività di ricerca che coinvolgerà i giovani direttamente nei luoghi di appartenenza sulla base delle indicazioni di lavoro scaturite dagli incontri avvenuti in Italia.
Con questo progetto, e con gli altri in programma nei prossimi mesi, Vallefiorita, grazie all’azione dell’associazione Terra di Mezzo, si conferma essere il Comune che ha accolto e accoglierà il maggior numero di giovani provenienti da tutto il mondo. Iniziative che testimoniano l’apertura al mondo e l’interesse per i giovani, il loro presente ed il loro futuro.

Gianni Paone
Presidente Associazione Terra di Mezzo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.