La stampa è impietosa: dai labiali di Conte ai fatti di cronaca come quello avvenuto a Filogaso

Dai labiali dei giocatori a quelli di Conte, dal gossip dei vip, dai fatti di cronaca, l’ultimo avvenuto a Filogaso, niente più sfugge ai media .C’è una voglia sfrenata, un desiderio inconscio, quasi una morbosità da psicoanalisi di pubblicare ogni fatto accaduto considerandolo fatto di cronaca e come tale notizia da raccontare, appellandosi alla libertà di stampa, alla democrazia, al diritto d’informazione, senza valutare appieno gli effetti che può provocare alle famiglie degli interessati ed agli elettori che con altrettanta morbosità lo leggono, lo commentano, lo riportano snaturandolo e spesso travisandolo. Il diritto di cronaca, la libertà di stampa, i nuovi mezzi di comunicazioni (fb,Twitter, instagram, ecc.) senza dubbio sono il sale della democrazia ed arricchiscono il bagaglio culturale di ognuno, ma possono diventare, se non usati correttamente, la campana a morte di quella democrazia che a parole si difende.

Penso alle fake news , ai tentativi occulti di indirizzare e condizionare le scelte politiche ed economiche dei cittadini. I potentati economici ed i poteri forti hanno compreso l’importanza dei media e li usano o per arricchirsi ulteriormente o per condizionare governi e nazioni. Riportare le abitudini ed i comportamenti sessuali di nani e ballerine, che purtroppo abbandono, fa notizia, audience, stuzzica la fantasia degli elettori più di qualsiasi notizia culturale, di storia o di altro che rende un paese civile e culturalmente avanzato. Parimenti fa notizia riportare un fatto di cronaca come quello accaduto a Filogaso.

Un fatto che in altri tempi non avrebbe suscitato tanto clamore ed avrebbe avuto la comprensione , la pietas e la solidarietà di tutti per il contesto in cui si è svolto e per la peculiarità della situazione. Così non è stato; la notizia è stata riportata da tutti i giornali e siti web, e da tutte le testate televisive ( RAI, Mediaset, La 7) senza approfondire il caso e le circostanze in cui si è svolto. L’immagine trasmessa era fuorviante, di un paese culturalmente arretrato , senza servizi sociali e fuori dal mondo moderno e dalla civiltà. Mai tante testate giornalistiche, tanti reporter ed inviati di tg si sono interessati di Filogaso come in questa occasione.

Invece Filogaso è un paese che vanta un grande passato ed una grande storia di cui si parla poco e si conosce pochissimo . Anche negli anni recenti ha avuto uno sviluppo culturale ed economico abbastanza significativo. Amministratori avveduti hanno realizzato tutte le strutture ed i servizi necessari ad un paese civile tanto da essere tra i primi della Provincia per la cura del verde attrezzato, della raccolta differenziata e degli altri servizi di assistenza agli anziani ed agli invalidi. L’augurio è che i network ed i giornali riportino, cosa che non è avvenuta in passato, anche le notizie positive e gli avvenimenti culturali che normalmente si svolgono .

Nicola Iozzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.