Lettera aperta al ministro Toninelli

Sarà una riunione ristretta e operativa, quella di lunedì 17: perciò sarà necessario esprimersi in maniera lapidaria, così:

1. La Calabria ha la più lunga rete stradale d’Italia, ma la grandissima parte delle rotabili risale a un periodo dal 1930 al 1980, con scarsissimi interventi posteriori.
2. Molti di questi interventi posteriori sono di pessima qualità: vedi la cosiddetta strada di Germaneto.
3. Dagli anni 1950, la statale ionica 106, pomposamente ribattezzata E90, è stata intasata dalla costruzione caotica degli insediamenti costieri, e non è possibile ammodernarla nell’attuale sede, ma solo con varianti a monte.
4. Le trasversali Ionio – Tirreno, progettate negli anni 1970, sono rimaste incomplete.
5. La Trasversale delle Serre, promessa dal 1968, iniziata negli anni 1990, è realizzata appena al 40%.
6. Le difficoltà di comunicazione incidono pesantemente sulla vita sociale ed economica delle aree interne.
7. Alcuni Comuni sono di fatto isolati, soprattutto in caso di eventi metereologici molto violenti.
8. I movimenti dei cittadini, e in particolare il Comitato, di cui chi scrive è presidente onorario, chiedono interventi immediati e risolutivi. Non propongono progetti faraonici, la cui realizzazione sarebbe costosa, e, peggio, lenta per ogni prevedibile intoppo di ogni natura. Sollecitano a mettere mano, dove possibile, all’esistente, per accelerarne il tracciato e metterlo in sicurezza.
9. È il caso della Gagliato – Turriti, già servita da una provinciale degli anni 1970-90, che basterebbe adeguare alle nuove esigenze; mentre la sede di Laganosa della 182 andrebbe sostituita con una bretella da Turriti alla rotatoria Satriano – Davoli, e dismessa al Comune.

Grazie dell’attenzione, ministro, e aspettiamo i fatti.

Ulderico Nisticò, pres. onorario Comitato Trasversale delle Serre

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.