Lo sciopero del 15 Marzo. La posizione di Slow Food Calabria

Non si può restare inermi di fronte a quanto sta accadendo nel nostro pianeta in tema di ambiente e di cambiamenti climatici.
Gli scioperi autogestiti della giovane attivista svedese Greta Thunberg hanno coinvolto i giovani studenti ed hanno messo gli adulti ed i governanti di tutto il mondo di fronte alle proprie responsabilita’. “You have no excuse, and we have no time” sono le parole di Greta nei suoi scioperi della scuola per il clima .

Slow food nato nel 1986 con un manifesto che rivendicava il diritto al cibo di qualita’ ha maturato in questi anni una visione piu globale che coinvolge tutta la filiera del cibo con il passaggio da movimento enogastronomico a movimento ecogastronico. Dal 2006 con la rivendicazione di un “cibo buono , pulito e giusto ” Slow Food si sta impegnando per una visione diversa del sistema alimentare che sia di contrasto allo sfruttamento dei lavoratori agricoli, al land grabbing, all’inquinamento che degrada il cibo, alla produzione industriale del cibo responsabile in maniera sostanziale sull emissione di CO2.

“I cambiamenti climatici, le nostre scelte alimentari, l’agricoltura che vogliamo” è il titolo della prima mozione elaborata dal 7° congresso di Slow Food in cui si legge “Noi, rappresentanti della rete di Slow Foode di Terra Madre provenienti da 90 Paesi del mondo, riuniti in Congresso a Chengdu in Cina, dichiariamo il nostro impegno per la diffusione di comportamenti individuali e collettivi atti a invertire la tendenza in atto e per favorire il dibattito, la ricerca e il confronto su questi temi (…) che contribuiscano a garantire la sicurezza alimentare e la conservazione della biodiversità e servano a proteggerci dai disastri ambientali e a garantire un futuro all’umanità,alle piante e agli animali”.

La Calabria riscopre la sua vocazione: la terra, con le sue straordinarie ricchezze sia in termini di biodiversità che di opportunità di lavoro. Esprime un grandissimo patrimonio di biodiversità (come tra l altro affermato lo scorso anno dall attivista ed ambientalista Indiana Vandana Shiva nel suo incontro in regione)e puo’ essere un banco di prova per riaffermare il valore dell agricoltura sostenibile . Non c’è qualità alimentare senza rispetto dell’ambiente

In coerenza con questi principi, Slow Food Calabria condivide le motivazioni dello sciopero mondiale per il clima del 15 marzo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.