‘Ndrangheta – Confiscati beni per 2,5 milioni di euro a esponente clan

Beni per 2, milioni di euro sono stati confiscati dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria a Giuseppe Stefano Tito Liuzzo, condannato per associazione mafiosa come appartenente alla cosca Rosmini della ‘ndrangheta reggina, egemone nei quartieri Modena, Ciccarello e San Giorgio Extra di Reggio Calabria.

Il provvedimento della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria si collega all’operazione “Araba Fenice” del 2013, che aveva portato a 47 arresti e al sequestro di 14 imprese e societa’, unita’ immobiliari, terreni, autoveicoli e conti correnti bancari per un totale di circa 90 milioni di euro.

Secondo l’accusa, Liuzzo aveva coordinato la “equa” spartizione mafiosa dei lavori di completamento di un complesso immobiliare nel quartiere reggino di Ravagnese, tra imprese riconducibili alle famiglie di ‘ndrangheta Condello, Rosmini, Ficareddi, Ficara-Latella, Nicolo’-Serraino, Fontana-Saraceno e Musolino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.