Processo “Quinta Bolgia”, disposti 8 rinvii a giudizio e 2 proscioglimenti

Otto rinvii a giudizio e due proscioglimenti. Si è concluso così il primo passaggio processuale dell’operazione Quinta Bolgia, realizzata dalla Dda di Catanzaro su un presunto sistema di controllo mafioso della sanità, e in particolare dell’ospedale di Lamezia Terme. L’inchiesta, fra l’altro, è alla base del commissariamento per mafia dell’Asp di Catanzaro.

Associazione a delinquere di stampo mafioso, frode nelle pubbliche forniture, illecita concorrenza con minaccia o violenza, abuso di ufficio, peculato sono solo alcuni dei capi d’accusa finiti oggi davanti al gup distrettuale del Tribunale di Catanzaro Paola Ciriaco, che ha rinviato a giudizio 8 dei 10 imputati tra persone fisiche e giuridiche, che hanno scelto il rito ordinario nella duplice inchiesta “Quinta Bolgia” e “Gerione”, su due gruppi imprenditoriali, i Putrino e i Rocca, secondo le accuse legati alla cosca Iannazzo- Cannizzaro- Daponte.

Per la Dda gli imprenditori si sarebbero accaparrati negli anni il mercato delle autoambulanze sostitutive del servizio pubblico, delle onoranze funebri, della fornitura di materiale sanitario, del trasporto sangue, escludendo dal mercato le altre ditte, attraverso un’illecita concorrenza.

Rinviati a giudizio

Eliseo Ciccone 69 annii; Pietro Rocca, 66 anni; Croce Rosa Putrino srl; La Pietà Putrino srl; Putrino Service srl; Rocca Servizi sas di Pietro Rocca; Rocca snc di Silvio Rocca; associazione Croce Bianca di Lamezia.

Prosciolti

Il gup ha prosciolto l’ex consigliere del comune di Lamezia Luigi Muraca, 53 anni, difeso dai legali Anselmo Torchia e Piero Chiodo e Tommaso Antonio Strangis, 57 anni, assistito dal legale Irene Strangis