Soverato – Lungomare e servizio rifiuti, i bandi finiscono in Tribunale

Il Comune di Soverato sarà obbligato a sciogliere in Tribunale i nodi legati a due tra gli appalti più discussi della città. Dopo l’incarico conferito per l’escussione della polizza fideiussoria con la ditta che si era originariamente aggiudicata i lavori del waterfront, l’ente soveratese si prepara a resistere in tribunale per la gara di appalto non ancora conclusa, per l’aggiudicazione del servizio di raccolta rifiuti.

Il problema è nato per le diatribe tra due delle ditte partecipanti da cui è scaturito un ricorso per contestare l’ammissione di una delle ditte che, secondo i ricorrenti, non avrebbe i titoli per partecipare alla gara.

Storia diversa, invece, quella relativa all’appalto del waterfront. Si lega al rapporto rimasto in piedi per tre anni tra il Comune e la ditta che si era aggiudicata nel 2015 i lavori di recupero e riqualificazione del lungomare, progettati a sostegno della struttura portuale.

Nel 2018 si era proceduto alla risoluzione del contratto che il Comune aveva giustificato per un «grave inadempimento che avrebbe potuto compromettere la buona riuscita dei lavori». Da allora però i contrasti tra Ente e ditta non si sono risolti.

Sabrina Amoroso – Articolo completo sulla Gazzetta del Sud

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.