La calabrese Fabiana Giampà ai mondiali di Mma che si terranno in Bahrein

Il giorno della partenza si avvicina e proseguono senza sosta gli allenamenti della crotonese Fabiana Giampà che nelle prossime settimane sarà impegnata con l’Italian National team 2017 Figmma (Federazione italiana grappling mixed martial art) al quarto campionato mondiale di Mma (mixed martial arts) organizzato dalla Immaf (International mixed martial art federetion) che si disputerà in Baherein dal dodici al diciannove novembre.

L’atleta della scuola Olimpia prosegue ad allenarsi senza sosta seguita dal maestro Fabio Cusato. Il programma imposto dal maestro è di quelli che lasciano poco tempo libero, ma soprattutto non trascurano niente.

Ore intense su tatami a provare colpi, difese, prese, tecniche di combattimento sia a terra che in piedi. Il lavoro che l’atleta sta svolgendo è impegnativo ed una cosa è certa, qualunque sia il risultato che scaturirà da questo mondiale, che in ogni caso per Giampà sarà l’occasione per entrare nel giro della selezione nazionale, sarà ben accetto perché la preparazione è stata scrupolosa. Certo non si partecipa a questo genere di competizioni per figurare, ma per arrivare in fondo. Il livello delle rivali però è altissimo, a questi campionati prenderanno parte le migliori atlete del mondo. Per Giampà sarà comunque l’occasione per confrontarsi con il top della categoria e di conseguenza continuare ad imparare e migliorare nel suo percorso di crescita sportiva anche se tutti sperano che a questo si possa associare un risultato che renda tutti orgogliosi.

La convocazione con la nazionale, unica rappresentate della Calabria per la categoria femminile, è un orgoglio per tutti quanti, un risultato che nessuno a Crotone mai aveva raggiunto fino ad ora, ma le intenzioni dell’atleta sono quelle di continuare stupire, di continuare a rappresentare la sua terra a livelli internazionali. Qualunque sia il risultato tutti devono essere fieri di Giampà perché nella sua disciplina ha portato il nome di Crotone molto in alto fin dove non è mai arrivato. Una convocazione in nazionale non è da tutti i giorni. Disputare un campionato mondiale con i migliori atleti del mondo non è da tutti e lei sotto la guida del maestro Cusato ci è riuscita. Adesso darà tutta se stessa per stupire.