Arriva Apocalisse 4800, caldo record e punte di quaranta gradi in 9 città

Gli esperti dicono che sarà la settimana più calda dell’anno quella che ci apprestiamo a vivere nei prossimi giorni. I valori massimi, a partire da mercoledì 20 e almeno fino al week-end del 23 e 24 luglio, sono previsti in continuo e costante aumento con punte di 39-40°C in città come Milano, Pavia, Bologna, Ferrara, Padova, Firenze, Bologna, Terni, Roma.

E il clima sarà ancora peggiore di notte, quando le temperature almeno fino alle 23 sfioreranno i 30°C su tantissime città del Nord e della Toscana. Questa ondata di caldo record sulla Penisola – dovuta all’arrivo dell’Anticiclone africano Apocalisse 4800 – non fa che rafforzare l’emergenza incendi.

Le fiamme continuano a divampare da Nord a Sud e, secondo i dati dell’Effis – il sistema europeo di informazione sugli Incendi boschivi – dal gennaio scorso ad oggi nel nostro Paese sono andati in fumo 229,30 chilometri quadrati di boschi e foreste a causa di 204 roghi di importanti dimensioni. E’ come se il fuoco avesse distrutto una superficie pari alla città di Reggio Emilia o all’isola d’Elba.

L’alta pressione dovrebbe accompagnarci fin quasi alla fine del mese, in una sorta di blocco anticiclonico con l’alta pressione piantata sull’Europa centro-meridionale. Il dato più allarmante riguarda le precipitazioni: non sono previste infatti perturbazioni o break temporaleschi significativi praticamente fino alla fine del mese.

“Una situazione davvero preoccupante – commenta Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito ilmeteo.it – vista la siccità perdurante ormai da almeno sei mesi, che ha fatto prosciugare alcuni laghi alpini, come il lago Azzurro in Valchiavenna e il lago di Limides nelle Dolomiti ampezzane”.