Covid-19, l’OMS sta monitorando una nuova variante soprannominata “Mu”

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta monitorando una nuova variante del coronavirus, soprannominata “Mu”, che è stata identificata per la prima volta in Colombia a gennaio. La variante – B.1.621 secondo la nomenclatura scientifica, è stata finora classificata come “variante da seguire”, ha affermato l’OMS nel suo bollettino epidemiologico settimanale di questa notte sull’evoluzione della pandemia.

L’OMS specifica che la variante presenta mutazioni che potrebbero indicare un rischio di “fuga immunitaria” (resistenza ai vaccini), e sottolinea che sono necessari ulteriori studi per comprenderne meglio le caratteristiche. Tutti i virus, compreso il SARS-CoV-2 responsabile del Covid-19, mutano nel tempo. La maggior parte delle mutazioni ha poco o nessun effetto sulle proprietà del virus. Tuttavia, alcune mutazioni possono influenzare le proprietà del virus e influenzare, ad esempio, la facilità con cui si diffonde, la gravità della malattia che provoca o l’efficacia di vaccini, farmaci, strumenti diagnostici o altre misure di salute sociale e pubblica.

La comparsa, alla fine del 2020, di varianti che presentavano un rischio aumentato per la salute pubblica globale ha portato l’OMS a caratterizzare varianti da monitorare e varianti preoccupanti, al fine di dare priorità alle attività di sorveglianza e ricerca a livello globale. L’OMS ha deciso di nominare le varianti da seguire o di interesse utilizzando lettere dell’alfabeto greco, al fine di evitare qualsiasi stigmatizzazione di un determinato paese e per rendere più facile al grande pubblico la pronuncia dei nomi. Attualmente, l’OMS, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ritiene che siano preoccupanti quattro varianti, tra cui le varianti Alpha, presente in 193 paesi, e Delta, presente in 170 paesi, mentre sono da monitorare altre cinque varianti (tra cui Mu).

La variante Mu è stata rilevata per la prima volta in Colombia a gennaio. Da allora è stato segnalato in altri paesi sudamericani e in Europa. “Sebbene la prevalenza globale della variante Mu tra i casi sequenziati sia diminuita ed è attualmente inferiore allo 0,1%, la sua prevalenza in Colombia (39%) ed Ecuador (13%) è costantemente aumentata”, ha spiegato l’OMS.