“Dov’è la programmazione della stagione estiva a Montepaone?”

Il gruppo di opposizione “Montepaone Bene Comune”, costituito da Giuseppe Macrì, Giuseppe Celia e Roberto Totino, non può esimersi dall’avanzare alcune legittime e doverose osservazioni riguardo la stagione estiva in corso, senza chiaramente mai dimenticare le regole per contrastare questo terribile virus, ancora in circolo.

La maggioranza, per mezzo della delibera di Giunta n°57 di Aprile scorso, avanzava richiesta di finanziamento nell’ordine di €50000.00 (cinquantamila,00) per la programmazione relativa alla stagione estiva in corso.

A seguito di una verifica del contenuto della detta deliberazione, emergeva che non risultava essere allegata la programmazione riguardante questa estate, per la quale si chiedeva il finanziamento con la suddetta somma.

Tutto questo veniva rilevato dall’opposizione nell’immediatezza della pubblicazione della delibera, chiedendo l’integrazione della stessa con l’allegazione del programma, ed alla cui richiesta veniva risposto che l’indicazione dell’allegato programma consisteva in un refuso e che, in concreto, le poche righe conclusive dell’atto costituivano la programmazione per la presente stagione estiva a Montepaone.

Le poche misere righe si sostanziavano unicamente in un’opera di propaganda delle tradizioni, della storia del Comune e pressoché null’altro.
Ormai ci vien da pensare che la Giunta Comunale, mediante le suddette asciutte idee, pensava di ottenere un finanziamento per animare un’estate, che di contro sta trascorrendo senza infamia e senza lode.

Per questa stagione estiva, in realtà non registriamo altro che prospettive ed idee pari a zero, nessun evento svolto. proposte formulate in modo approssimativo e soprattutto senza dare il giusto ascolto alle potenziali richieste proponibili, in particolar modo, dagli operatori del settore, dagli albergatori, dai ristoratori, dagli esercenti, passando dalle associazioni e dalla società civile.

E’ mancato inoltre un coinvolgimento della minoranza, e pertanto quel pochissimo pensato finora, porta unicamente il nome della maggioranza.
Va sottolineato poi che negli ultimi giorni vi è stata la realizzazione di un murales nelle vicinanze del Centro Commerciale “Le Vele”, in località marina.

Detto che, del murales non si discute la qualità, come anche costi del medesimo (€2500,00), non essendo noi critici d’arte, in ogni caso va evidenziato che lo stemma comunale raffigurato non è quello ufficiale; quello per intenderci allegato al regolamento per l’uso del gonfalone e del medesimo stemma comunale, su cui peraltro la stessa maggioranza ha deliberato nel mese di Gennaio scorso.

Tutto questo, ancora una volta, ci indica chiaramente come la maggioranza, nostro malgrado, operi con assoluta leggerezza, indolenza ed inconsapevolezza, senza attribuire all’amministrazione della cosa pubblica il giusto valore e la corretta sacralità, agendo infatti spesso in barba a regolamenti e dimenticando leggi di riferimento.