Dramma in Francia: muore a 13 anni folgorata dallo smartphone nella vasca da bagno

Una abitudine che molti hanno e che è spesso pericolosa: lasciare lo smartphone, perennemente con problemi di batteria, in carica sempre, anche quando ci si fa il bagno. Un’abitudine che ha ucciso una ragazzina di 13 anni, morta folgorata nella vasca dopo che il cellulare le è scappato dalle mani finendo in acqua.

L’incidente domestico è avvenuto sabato scorso alla presenza delle amiche e dei suoi genitori nella casa di famiglia a Mâcon. Celestine era stata prima rianimata grazie a un massaggio cardiaco praticato prontamente dalla polizia.

Ma è stata poi evacuata in condizioni critiche all’ospedale di Mâcon, poi in stato di morte cerebrale all’ospedale Bron del Centro ospedaliero universitario (Chu) di Lione (Rodano). Il Journal de Saône-et-Loire ha finalmente rivelato la sua morte venerdì.

Sua madre si è rivolta ai media locali per inviare un messaggio ai giovani che usano i telefoni in bagno: “Che questo possa essere utile ad altri adolescenti perché sono tutti con i telefoni trapiantati nelle mani! Devi proprio insistere: niente telefono nelle vasche, perché può finire in tragedia. Per un piccolo gesto “, ha avvertito.

Secondo gli esperti, l’incidente è un caso estremamente raro. Ma mostra quanto possano essere pericolosi i dispositivi elettronici nel bagno. L’ingegnere Willi Brugger, esperto di elettricità, elettromeccanica ed elettromagnetismo, ha dichiarato alla stampa che i telefoni cellulari sono effettivamente innocui in bagno. Le prese non collegate potrebbero essere potenzialmente pericolose in caso di “contatto indiretto”. Gli accessori di telefoni cellulari di terze parti prodotti a basso costo potrebbero essere di qualità inferiore e causare scosse elettriche.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è l’ennesima tragedia rimbalzata alle cronache che ci lascia increduli e attoniti. Ancora una volta in discussione i rischi connessi all’uso di telefonini e smartphone che sono diventati oggetti insostituibili nella vita di ognuno di noi.

Proprio per questo, è necessario che le case produttrici adottino maggiori accorgimenti, anche in termini d’informazione ai consumatori per evitare che si ripetano casi analoghi. Per questo motivo, è importante assicurarsi che i dispositivi siano certificati di conseguenza. Il fabbricante è tenuto a redigere una “dichiarazione CE di conformità, in cui indica le Direttiva applicata e le norme tecniche utilizzate. In questo caso il dispositivo è conforme agli standard europei.