Elezioni amministrative, a Soverato siamo politicamente morti

Siamo assopiti. Non ci importa più nulla della cosa pubblica. Non abbiamo il coraggio di metterci la faccia, canalizzare il dissenso, combattere per delle idee. Ci ritroviamo con la compagine uscente che consegna la lista all’ultimo secondo per cercare di risolvere i propri dissidi interni.

Una lista civetta che rappresenta un insulto all’intelligenza dei cittadini e alla democrazia. Ed una terza lista improvvisata solo per prendere un seggio di minoranza. Siamo politicamente morti. Ma da giovane cittadino di questa città da oggi inizia la mia personale battaglia per rianimare il fuoco della politica.

È troppo importante il bene comune e dobbiamo rifocalizzarlo tra le nostre priorità. La nostra società dovrà esprimere una politica seria, propositiva, innovativa e ponderata. Dobbiamo costruire insieme. Quello che si è verificato oggi è imbarazzante e scandaloso, i politici di questa città hanno la colpa e devono indignarsi, non esserne orgogliosi!

Gabriele Francavilla, ex consigliere comunale di Soverato