Gli Odontoiatri al servizio delle famiglie

Nell’ambito della seconda giornata del Corso di Aggiornamento “Gli Odontoiatri al Servizio delle famiglie”, promosso dalla Commissione Albo Odontoiatri dell’Ordine dei Medici di Catanzaro, si è discusso anche dello scandalo della chiusura della catena spagnola iDental che ha lasciato migliaia di pazienti senza cure odontoiatriche e con i finanziamenti da pagare .

“Questi, purtroppo, sono i rischi a cui vanno incontro i pazienti quando affidano la cura della propria bocca a strutture commerciali – ha evidenziato il Presidente della CAO, il dott. Salvatore De Filippo – E’ successo anche in Italia e noi abbiamo il dovere di informare i cittadini”.
“Per tale motivo, in Calabria – ha aggiunto De Filippo – abbiamo ipotizzato un’assistenza odontoiatrica basata sulla valorizzazione del rapporto medico-paziente. Lo studio odontoiatrico che si riconosce con il professionista e non con un marchio è, a nostro avviso, sinonimo di qualità e sicurezza .”

Presente anche il Presidente Provinciale Andi (Associazione Nazionale Dentisti Italiani), il dott. Enrico Cataneo, che ha ribadito la forte collaborazione con la meritoria attività di controllo che la Commissione Albo Odontoiatri di Catanzaro sta svolgendo, in linea con il ruolo che la legge attribuisce, nella qualità di organo sussidiario dello stato, garante della tutela della salute pubblica e degli interessi della categoria.
Il concetto è stato rafforzato dal dott. Angelo Cardarelli, professore all’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, che è intervenuto nell’ambito del corso di aggiornamento.

Cardarelli, in particolare, ha lanciato un messaggio per i giovani odontoiatri: “Occorre evitare di cadere alla mercé di quelle catene odontoiatriche che offrono manovalanza a basso costo, abbassando la qualità. Non bisogna aver fretta di mettersi subito a lavorare, meglio preferire la formazione, sia dal punto di vista teorico che pratico, unico elemento che può fare la differenza.

Il Presidente De Filippo ha concluso sottolineando: “In questo corso si promuove un’attività formativa vivace, dove viene coltivato e stimolato lo spirito di collaborazione e l’aspetto culturale tra i colleghi sulle problematiche reali che si incontrano nella quotidianità clinica”.
Dopo la pausa estiva il Corso di aggiornamento riprenderà il 29 settembre con il dott. Giovanni De Vico su un tema di grande interesse “Il perché di un ritorno alla protesi fissa tradizionale?”.
La segreteria organizzativa del Corso è gestita dalla Chronos Congressi ed Eventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.