Nota del Gruppo Consiliare “Rinnovamento per Santa Caterina”

santacaterinaAnche se la norma invita a svolgere i consigli comunali in orari che non coincidono con attività lavorativa dei rispettivi membri, ancora una volta siamo stati convocati per le ore 10:00 di un giorno infrasettimanale e lavorativo, con l’aula ovviamente deserta nonostante l’OdG prevedesse la discussione di un tema d’importanza rilevante qual è l’approvazione del bilancio di previsione 2015.

Capita ormai sistematicamente che gli atti sono approvati l’ultimo giorno utile o in netto ritardo come nella fattispecie, che ancora una volta, siamo stati oggetto di diffida da parte del prefetto con il rischio, per come previsto dall’articolo 141 comma 1- 2 del TUEL, di commissariamento dell’ente a causa dell’inefficienza divenuta ormai caratteristica principale di questa amministrazione.

Il Gruppo Consiliare “Rinnovamento per Santa Caterina”, ancora una volta è costretto a segnalare l’atteggiamento ostruzionistico messo in atto dall’amministrazione in carica. Infatti, anche in quest’occasione, i consiglieri di minoranza non hanno potuto visionare con dovuta dovizia gli atti perché la documentazione completa, relativa ai punti all’OdG, è stata messa a disposizione in netto ritardo rispetto ai termini di legge e in aggiunta incompleta, tanto che si è reso necessario inviare una nota di segnalazione al Prefetto di Catanzaro.

Il bilancio di previsione 2015, presentato in aula dalla maggioranza, è un documento puramente tecnico riguardante una semplice quadratura di numeri imposti dalla legge. Senza nessuna programmazione politica, nessuna pianificazione futura, nessun accenno al programma triennale delle opere pubbliche e senza prevedere nessuna diminuzione delle tasse o agevolazione nemmeno per le famiglie in condizioni di disagio.

E’ incomprensibile che sebbene nei giorni scorsi sia stato approvato un piano di rateizzazione per un debito di oltre un milione e due cento mila euro e diversi di debiti fuori bilancio, il Sindaco Leto e i suoi seguaci, si prendano il lusso di sperperare ancora i soldi dei cittadini. Sono stati spesi ad esempio, circa sette mila euro per un evento folkloristico durato qualche ora, tre mila euro circa per istituire un servizio di navetta gratis e si continua a pagare l’acquisto di giornali per la rassegna stampa, le spese del cellulare e l’uso del proprio automezzo per lo staff del Sindaco, la cui somma complessiva ammonta a circa trenta mila euro all’anno.

Noi crediamo che, sarebbe stato più opportuno sostenere le associazioni locali culturali, sportive, turistiche, religiose, ecc., per promuovere le loro attività, le feste patronali, contribuendo a rendere il paese più unito e coinvolto, invece di continuare a creare divisioni tra i cittadini con sterili polemiche. Anche per questi motivi il nostro voto è stato nettamente contrario all’approvazione del bilancio.

Durante la seduta del consiglio comunale, inoltre, si è saputo che l’obiettivo fondamentale su cui l’amministrazione intende puntare è quello dell’accoglienza di profughi anticipando l’arrivo, nel nostro paese, di altri rifugiati tra cui anche minori.

La maggioranza in carica continua così a disattendere le tante promesse fatte in campagna elettorale e riportate nel proprio programma dove, ad esempio, c’era scritto che si sarebbero impegnati a “indire assemblee pubbliche periodiche, istituire stabili occasioni di confronto, creare commissioni miste in consiglio comunale, curare informazione e pubblicità” con tanto di slogan “partecipare è condizione essenziale per crescere”.

A tal proposito e poiché il Sindaco Leto non perde occasione di riempirsi la bocca con le parole legalità e trasparenza, viene spontaneo chiedergli di rispondere alle seguenti domande:

• Perché non informate i cittadini di cosa intendete fare del nostro centro storico?

• Perché non informate i cittadini dell’arrivo di altri rifugiati nel nostro paese in aggiunta a quelli già residenti?

• Perché non sono pubblicati in modo trasparente i resoconti dell’attività riguardante i vari progetti di accoglienza svolti nel nostro paese?

• Come mai tutto quello che accade intorno ai progetti di accoglienza continua a rimanere un tabù?

• Perché nonostante le nostre formali richieste di notizie su questi argomenti non è stata comunicata alcuna informazione se non risposte polemiche, fuorvianti e fuori luogo?

Noi crediamo nella vera politica dell’accoglienza e ci adoperiamo ogni giorno in tal senso.

Siamo contrari invece alla politica fatta in modo chiuso nelle stanze di comando e in funzione soltanto di come gestire, a proprio piacimento, le fonti di finanziamento provenienti anche da queste gravi situazioni umanitarie.

Pertanto, come abbiamo più volte affermato, i cittadini vanno formati, informati e considerati, esattamente per intenderci, come fate nei giorni di campagna elettorale quando avete bisogno di carpire il loro voto.

Ad Maiora!
Gruppo Consiliare “Rinnovamento per SantaCaterina ”
Consiglieri Comunali: Domenico Caporale – Giannini Francescantonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.