“Sopra le stelle di Soverato”

Alle 21 del 26 agosto 2019, presso l’Anfiteatro Comunale (Lungomare Europa) di Soverato, avrà luogo la rassegna “Sopra le stelle di Soverato”.
Patrocinato dal Comune, l’evento è stato organizzato da Antongiulio Iorfida (che, tra l’altro, presenterà la serata), Gian, Fango, Michelangelo Rupolo, Retro, Samuele Spinetti e Simone Trocano, sotto l’attenta direzione artistica dell’MVM Rec Studio di Vincenzo Maida, che si occuperà anche della gestione del service.
In una location suggestiva, nel cuore pulsante della Perla dello Jonio, sedici giovani artisti – fra solisti e band – del comprensorio, si alterneranno in una serie di esibizioni in cui avranno modo di esprimere, attraverso la musica, il proprio talento e di offrire una serata di puro spettacolo alla cittadinanza e ai turisti.

Il programma musicale dell’evento è incredibilmente vario: si passerà dalla trap all’alternative-rock, dall’indie al pop, dal cantautorato all’hip-hop nudo e crudo.
A performare, in ordine di esibizione, saranno Again, Vibe, Fango, Gian, Francesco Scandinavo, Ilenia Mazzà, Federica Abbruzzo, Mariagrazia Peruzzi, i One Hundred Meters, Giuseppe Cilurzo, I Permessi Retroattivi, Alex Bittoni, Emmanuele Demasi, Samuele Spinetti, Retro e Tato.
Un’occasione epocale per assistere al live di tutti (o quasi) i giovani artisti del soveratese e per dire “arrivederci” all’estate in modo allegro e appassionato.

Un doveroso ringraziamento va agli sponsor, senza i quali i ragazzi non avrebbero avuto questa splendida opportunità: “Sinapsys” di Alessandro Carellario, “VisionOttica Ivanue” di Francesco Cardamone, “Pugilato Soverato” di Valerio Geracitano e “Copisteria Giannotti”.
A realizzare locandina e, soprattutto, “concept” dell’evento ha provveduto il dott. Antonio Cossari, da sempre al servizio dell’arte e della collettività.

La rassegna di musica live riuscirà finalmente a consacrare l’idea che Soverato non sia “solo” una città connessa al sole, al mare, al turismo, ma anche una piazza felice, fertile e virtuosa in cui decine di giovanissimi musicisti sviluppano la propria vocazione e ne fanno un dono da consegnare alla società.
Non mancate!