Chiude i battenti a Cortale l’edizione 2021 di “Jazz&Vento”

Cortale capitale del Jazz per due coinvolgenti serate in piazza Italia che hanno registrato una importante presenza di pubblico, sempre nel rispetto delle norme-anticovid. Sono stati i concerti del duo Chiara Civello ­- Rita Marcotulli e di Rosario Giuliani con “Love in Translation” a chiudere l’edizione 2021 di “Jazz&Vento”, un festival che ha saputo valorizzare le tradizioni di questo suggestivo borgo attraverso i grandi nomi del Jazz.

Ricordiamo, infatti, che quest’anno i primi a salire sul palco di piazza Italia sono state tre promesse come i componenti del “Matteo Mancuso Trio”, che si è esibito con il batterista Giuseppe Bruno e Stefano India al basso. E soprattutto Felix Pastorius (Basso); Julius Pastorius (Batteria); Jose Luis Santacruz (Sax soprano) con “Through Jaco Legacy Trio”: per la prima volta in Italia insieme, nella stessa formazione, i fratelli Pastorius, Felix e Julius, figli del grande Jaco, leggendario genio del basso.

La kermesse, che è stata ideata e ha preso forma e sostanza nel 1998, si è avvalsa della direzione artistica di Franco Suppa e del sostegno del Comune di Cortale, guidato dal sindaco Francesco Scalfaro, ed in particolare dell’Assessorato alla Cultura, affidato a Simona Papaleo.

“La cosa più bella è stata ritrovare il pubblico, contento di rivivere l’emozione di un concerto dal vivo – ha affermato l’assessore alla Cultura, Simona Papaleo -. I concerti sono stati bellissimi, apprezzati, anche l’organizzazione è andata bene, con una piazza bene ordinata, nel rispetto delle regole, le persone sono rimaste soddisfatte. È stato bello ricevere il giorno dopo tanti messaggi di ringraziamento per quello che facciamo nonostante le difficoltà quotidiane. Questo festival è un fiore all’occhiello, perché Cortale è diventato un punto di riferimento nel campo degli eventi culturali. Grazie al festival, in queste serate tantissime persone, anche provenienti da fuori regione, sono venute e non è la prima volta: tornano ogni anno, lo aspettano ogni anno e sono felici di vedere che, nonostante siamo un piccolo centro, abbiamo la costanza ogni volta di fare sempre una manifestazione di alto livello. I musicisti che ospitiamo sono del resto di fama nazionale e internazionale. Siamo diventati un festival molto importante a livello regionale, accanto ad altri festival jazz in Calabria come Roccella, Diamante e Reggio Calabria. L’amministrazione comunale ci crede – conclude Simona Papaleo – tanto è vero che fin dal primo anno abbiamo voluto portare avanti questo progetto e questa manifestazione: penso che sia compito della politica promuovere la cultura, l’arte e gli eventi culturali per fare crescere una comunità e per dare visibilità a un piccolo centro come il nostro”.