Il maxi processo “Rinascita-Scott” sarà celebrato in una tensostruttura a Catanzaro

Il maxi processo “Rinascita-Scott” sarà celebrato a Catanzaro, in una tensostruttura in attesa della costruzione di una nuova aula bunker che sarà realizzata nelle adiacenze del Tribunale per i Minorenni, con una capienza di mille persone.

Questa mattina al termine di una conferenza permanente del distretto, con il procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, il presidente della Corte d’appello, Domenico Intracaso, il procuratore generale facente funzioni, Beniamino Calabrese, e il nuovo presidente del tribunale, Rodolfo Palermo, alla quale ha preso parte anche il presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Catanzaro, Antonello Talerico , è arrivata la decisione quindi di installata una tensostruttura nei pressi della casa circondariale del quartiere Siano per ospitare il processo, la cui udienza preliminare è prevista per la fine di luglio.

Nei giorni scorsi si era ipotizzato il trasferimento del processo fuori dalla Calabria per l’assenza di una struttura adeguata. Tra le altre decisioni assunte, il trasferimento degli Uffici del giudice di pace nell’aula nuova del tribunale e la celebrazione dell’udienza preliminare del processo “Malapianta” nel carcere di Rebibbia, a Roma.