Procura chiede processo per 5 indagati per servizio ambulanze all’Asp di Catanzaro

Il sostituto procuratore della Procura di Catanzaro, Vito Valerio ha chiesto il rinvio a giudizio per cinque persone coinvolte nell’operazione “Quinta Bolgia” che, per gli effetti determinati, ha portato nelle scorse settimane al commissariamento dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro per infiltrazioni mafiose.

La richiesta di processo è stata formulata per Tommaso Antonio Strangis, 54 anni di Lamezia Terme, Italo Colombo, 49 anni di Catanzaro, Francesco Serapide, 56 anni di Catanzaro, Giuseppe Luca Pagnotta, 46 anni di Catanzaro ed Eliseo Ciccone, 66 anni di Albi.

Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di frode in pubbliche forniture, corruzione, induzione a dare o promettere utilità e rivelazione di segreti d’ufficio.
Al centro delle contestazioni le condizioni delle ambulanze vecchie senza barelle o bombole d’ossigeno, favori e regalie per indirizzare gli appalti drell’Asp catanzarese.