“Ampolla d’oro”, consegnati dalla CCIAA di Catanzaro i riconoscimenti 2022 ai migliori oli EVO della provincia

Sono stati consegnati nel corso di una serata di gala i premi “Ampolla d’Oro” 2022, i riconoscimenti che la Camera di Commercio di Catanzaro ha inteso istituire per celebrare le migliori produzioni olearie nella provincia.

Alla presenza del Commissario straordinario dell’Ente, Daniele Rossi, del segretario generale, Bruno Calvetta e dell’assessore regionale all’Agricoltura, Gianluca Gallo, e con gli interventi di Aldo Ferrara, presidente di Unindustria Calabria, e Walter Placida, presidente di Confagricoltura Catanzaro, sono state premiate ben 7 aziende nelle quattro diverse categorie oggetto del premio: Soc. Agricola Bova (Amaroni), Azienda Agricola De Lorenzo & C. (Lamezia Terme), Impresa Agricola Clelia Iemma (Gizzeria), Azienda Agricola Antonio Pascuzzi (Sersale), Azienda Agricola Scordo Giuseppe (Maida), Oleificio Torchia F. di Torchia F. e F.lli (Tiriolo), Oleificio Agricolo San Carlo (Marcellinara).

«Abbiamo fortemente voluto la nascita di questo premio – ha spiegato Daniele Rossi nell’introduzione alla premiazione – intanto perché volevamo certificare, grazie ad un panel di esperti, la qualità dell’olio che si produce nella nostra provincia, e poi perché questo tipo di attestazioni sono sia una soddisfazione per le imprese che la ricevono ma anche un modo per spronare tutto il comparto a fare sempre meglio, a elevare sempre di più la qualità della produzione. Inoltre è un modo per far conoscere le produzioni locali sia al mercato interno che oltre i confini più prossimi. La nostra regione è capace di una grande produzione e di grande qualità, ma se le aziende, anche attraverso una regia comune, non si uniscono per lavorare in sinergia, difficilmente riusciremo ad aumentare le ricadute economiche positive del comparto sul sistema economico regionale. Abbiamo tutte le potenzialità perché il nostro olio sia commercializzato con un nostro brand e non venduto alle altre regioni per poi essere rivenduto confezionato anche sulle nostre tavole senza ricadute economiche positive».

L’assessore Gallo, dal canto suo, si è soffermato, oltre che sull’importanza e sul valore simbolico per tutto il comparto olivicolo di un premio come l’“Ampolla d’Oro”, anche sul contesto regionale e sulle prospettive a cui tendere per rafforzare sul mercato la presenza dell’olio calabrese e quindi aumentare il valore aggiunto per la filiera: «Il settore olivicolo è la punta di diamante della nostra agricoltura – ha detto -. L’obiettivo è aumentare le quantità di olio imbottigliato attraverso una serie di iniziative per la formazione, per la cooperazione e per la promozione che ci permettano di raggiungere mercati sui quali oggi non riusciamo ad arrivare. La sfida è quella della qualità, anche ora nonostante le difficoltà legate al contesto internazionale. Siamo la seconda regione italiana a maggior produzione biologica per l’olio e abbiamo una certificazione Igp per tutta la regione e dobbiamo farla valere. Metteremo in campo misure, come detto, per la qualità, la quantità di produzione, ma anche sul packaging».

Soddisfatto per la qualità degli oli che sono stati presentati dalle aziende il capo panel della giuria che ha valutato i prodotti in concorso, Giuseppe Antonio Lauro: «I vincitori sono stati decretati per pochissimi punti di scarto, con una valutazione alta, segno di come ci siamo trovati a valutare prodotti che hanno rasentato l’eccellenza. Tanti prodotti tra quelli presentati avevano delle caratteristiche che hanno sorpreso i giudici».

Quella che si è appena conclusa è stata la prima edizione del premio “Ampolla d’Oro”, dedicata alla campagna olearia 2021. In attesa di definire tutte le procedure per il prossimo accorpamento tra le Camere di Commercio di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia, come ha sottolineato lo stesso segretario generale Calvetta, l’Ente camerale di Catanzaro punta a consolidare l’iniziativa e magari allargarla alla partecipazione del nuovo e più ampio territorio che farà riferimento alla nuova Camera di Commercio dell’area centrale della Calabria.

I PREMIATI

 Categoria “Olio EVO Biologico”

  1. Ampolla d’Oro alla Agricola Bova (Amaroni) per l’olio EVO “IGP Manca del Bosco”;
  2. Ampolla d’Argento all’Azienda Agricola De Lorenzo & C. (Lamezia Terme) per l’olio EVO “I Tesori del Sole – IGP Olio di Calabria”;
  3. Ampolla di Bronzo all’Impresa Agricola Clelia Iemma (Gizzeria) per l’olio EVO “Olio EVO Bio – DOP Lametia”.

 Categoria “Olio EVO Fruttato Leggero”

  1. Ampolla d’Oro all’Azienda Agricola Antonio Pascuzzi (Sersale) per l’olio evo “Fruttato Leggero – IGP Olio di Calabria”.

 Categoria “Olio EVO Fruttato Medio”

  1. Ampolla d’Oro all’Azienda Agricola De Lorenzo & C. (Lamezia Terme) per l’olio EVO “I Tesori del Sole – IGP Olio di Calabria”;
  2. Ampolla d’Argento all’Azienda Agricola Scordo Giuseppe (Maida) per l’olio EVO “Olio del Feudo – DOP Lametia”.

Categoria “Olio EVO Fruttato Intenso”

  1. Ampolla d’Oro all’Oleificio Torchia F. di Torchia F. e F.lli (Tiriolo) per l’olio EVO “IGP Olio di Calabria – Torchia”;
  2. Ampolla d’Argento all’Oleificio Agricolo San Carlo (Marcellinara) per l’olio EVO “Olio EVO Italiano – IGP – Carlo Cimino”.