Chiedono soldi per lasciare l’appartamento in affitto, tre arresti

La Squadra Mobile ha arrestato in flagranza di reato di estorsione, in concorso (artt. 110, 629 c.p.), tre individui, Mario Perri, 55 anni, Francesco Longobucco, 44 anni e Maria Aloe di 46 anni, tutti di Cosenza. In particolare, la vicenda riguarda la locazione di un appartamento in città, di proprietà di un professionista cosentino, e in cui risiedeva una donna (46enne, oggi tratta in arresto), la quale era stata invitata a lasciare l’immobile a causa del reiterarsi di problemi condominiali (urla, schiamazzi, strane frequentazioni anche in orari notturni, oltre che molteplici rinvenimenti di siringhe nelle adiacenze dell’ingresso).

La donna accoglie l’invito ma chiede al professionista un sostegno economico, al fine di poter versare una caparra, per affittare un altro appartamento dove trasferirsi. Pur di rientrare in possesso rapidamente dell’appartamento, il professionista inizialmente accetta la proposta per poi rifiutarsi, di fronte l’insistenza della donna, che lascia l’appartamento senza però riconsegnarne le chiavi.

La donna contatta telefonicamente il professionista, ottenendo un appuntamento in Viale Trieste, apparentemente per restituire le chiavi. All’incontro, oltre la 46enne, si presentano anche due uomini, uno dei quali, poi identificato in un 55enne pluripregiudicato, anche per reati contro il patrimonio, il quale minaccia il professionista di corrispondergli 500 euro per lasciare l’appartamento, il tutto di fronte alla presenza di un secondo uomo, poi identificato in un 44enne, pregiudicato.

La consegna del denaro avrebbe dovuto avvenire oggi, in viale Trieste. Il professionista, compresa la natura estorsiva della richiesta, ha sporto denuncia: qui gli investigatori della 4^ Sezione Reati contro il patrimonio e la P.A. della Squadra Mobile, d’intesa con la locale Procura della Repubblica, sono riusciti ad identificare subito gli estorsori, appostandosi al momento della consegna del denaro. I due pregiudicati, giunti all’appuntamento con il professionista, sono stati bloccati e arrestati insieme alla donna dai poliziotti. Oltre alla somma di denaro appena estorta alla vittima, i tre sono stati trovati in possesso, a bordo dell’autovettura, di una una mazza da baseball e un coltello, che sono stati sequestrati.