Cocaina nascosta nella mascherina e nella bici, la fantasia senza limiti dei pusher

Dalla mascherina anti Covid alla batteria delle luci della bici. Detentori e spacciatori di droga aguzzano l’ingegno per nascondere lo stupefacente alle forze dell’ordine. A segnalarlo è la Questura di Crotone.

“La fantasia di chi cerca di aggirare i controlli – si legge in un comunicato – sembra non conoscere limiti, e lo dimostrano gli ultimi ritrovamenti di stupefacenti alquanto inconsueti. La novità è rappresentata dall’uso della mascherina, non soltanto per il contenimento del virus, ma per celare all’interno due dosi di droga”.

“E che pensare di chi – è scritto ancora – a scapito delle norme sulla sicurezza stradale, ha pensato bene di rimuovere le batterie dalla lampadina della sua bicicletta per nasconderci tre dosi di cocaina?”

“L’accuratezza delle perquisizioni – si legge infine – trova riscontro in questi ottimi risultati, così come l’efficacia dell’attività di contrasto è documentata dai numeri che hanno interessato il periodo estivo con più di 70 persone segnalate al Prefetto quali assuntori di sostanze stupefacenti”.