Il sogno di tre medici americani, dagli Stati Uniti alla Calabria per “curare gratis gli anziani”

“Sono un medico americano in pensione, vorrei trasferirmi con mia moglie e mio fratello in un borgo rurale italiano per offrire gratuitamente assistenza sanitaria agli anziani”, ha scritto il dottor James Smith contattando su Facebook a Davide Zicchinella, sindaco di Sellia, Comune della Presila catanzarese di appena 500 anime. A riportare la notizia Il Fatto Quotidiano.

James Smith è un neopensionato che vive ad Atlanta, metropoli americana, capitale dello Stato della Georgia ed è rimasto colpito dalle attività promosse da anni a Sellia, quando il primo cittadino del Comune del catanzarese, con un’ordinanza emanata nel 2015, vietava ai suoi concittadini di morire. Una provocazione per invitarli ad avere cura della propria salute e inserita sulle pagine del giornale “The Local”, arrivando all’attenzione del medico americano.

“Mentre cercavo notizie sui borghi in Italia e approfondimenti sull’assistenza sanitaria nelle aree rurali del vostro Paese, mi sono imbattuto in questo articolo e ho cercato subito di mettermi in contatto con il sindaco per complimentarmi per l’impegno verso il benessere dei suoi concittadini, soprattutto degli anziani“, racconta Smith, reumatologo che vorrebbe godersi la pensione trasferendosi in Italia insieme al fratello geriatra e alla moglie pediatra, anche loro in pensione.

Smith, insieme al fratello, negli anni ’80, si è laureato in medicina – spiega “ispirato da suo zio, medico generico in una piccola cittadina della Georgia, noto per l’amore che nutriva nei confronti della sua comunità”. L’amore per l’Italia nacque nel 1986 grazie a una vacanza con amici in Toscana. Così, James, Leyla e Stan sembrano convinti a voler cambiare vita trasferendosi a Sellia.

“Io e mio fratello abbiamo una grande esperienza nella cura dei pazienti anziani, ci terremmo molto a incoraggiare prevenzione e buone abitudini – spiega -. Stiamo infatti cercando di approfondire, attraverso riviste mediche italiane e il supporto di Zicchinella, il sistema sanitario italiano e i servizi previsti per questa fascia di età”, precisa il medico americano rivelando che, informato delle difficoltà sanitarie in Calabria, vorrebbe attivare progetti con l’aiuto del sindaco e degli operatori sanitari locali.

Il primo cittadino di Sellia, medico pediatra che ha capito quanto il collega di Atlanta apprezzasse le attività promosse da anni a Sellia, è in contatto ora con Smith per sviluppare nuove progettualità sul borgo, anche se per il momento l’emergenza Covid non permette al medico americano di venire in Calabria.

“Speriamo di venire al più presto, nei primi mesi del 2021 dovremmo essere vaccinati contro il Covid in modo tale da poter affrontare il viaggio in aereo per conoscere questa splendida realtà in Calabria“, conclude.