Operazione “Basso profilo”, chiuse le indagini per 85 persone [NOMI]

Arriva a un primo giro di boa l’inchiesta “Basso profilo” realizzata dalla procura di Catanzaro e che a gennaio scorso ha portato all’emissione di 50 misure cautelari, ipotizzando una serie di reati che coinvolgerebbero esponenti della criminalità organizzata, delle forse dell’ordine, mondo delle professioni, della politica e dell’imprenditoria.

L’impianto accusatorio della Procura
La Procura oggi ha chiuso le indagini nei confronti di 85 persone: tre i nuovi indagati, mentre un’altra persona – indagata in un primo momento – oggi esce di scena. Il sistema ipotizzato dalla procura guidata da Nicola Gratteti è quello della collusione fra imprenditoria, mafia e politica con il coinvolgimento nell’impostazione delle accuse delle cosche crotonesi e di un imprendiore – Antonio Gallo – accusato di essere sodale alla criminalità organizzata attraverso le sue imprese impegnate nel settore dell’antiinfortunistica e della fornitura di materiali da lavoro.

Coinvolti anche diversi esponenti politici, fra cui il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, quello regionale, Francesco Talarico, e l’ex consigliere del Comune di Catanzaro Tommaso Brutto e il figlio Saverio ex assessore di Simeri Crichi. Coinvolto anche Ercole D’Alessandro, all’epoca luogotenente della Guardia di Finanza, che avrebbe fatto la “talpa” nel rivelare informazioni riservate sulle indagini.

Nel collegio difensivi degli avvocati vi sono tra gli altri: Antonio Lomonaco, Vincenzo Ioppoli, Antonello Talerico, Raffaele Bruno, Valerio Murgano, Fabrizio Costarella, Francesco Gambardella, Piero Chiodo, Luigi Falcone, Enzo De Caro, Davide De Caro, Marialaura De Caro, Armodio Migali, Corrado Politi, Michele Fabio Gagliano, Concetta Quartuccio, Domenico Giordano, Natale Polimeni, Biagio Di Vece, Domenico Caliò, Eugenio Perrone, Salvatore Iannone.

I nomi degli indagati
Nella chiusura delle indagini oggi compaiono i principali protagonisti nella prima fase dell’inchiesta: da Cesa a Talarico, a Gallo e D’Alessandro. Tra i nuovi indagati anche l’avvocato Claudio Larussa di Catanzaro.

1) Alecce Luigi
2) Andreoli Bruno
3) Antonelli Annarita
4) Baci Edmond
5) Bagnato Antonio Santo
6)Banu Elena
7) Basile Luciano
8) Bonofiglio Giuseppe
9) Bonofiglio Rosario
10)Brutto Tommaso
11) Brutto Saverio
12) Caliò Maria Rosaria
13) Caloiro Peirpaolo
14) Cannarozzi Simona
15) Carduccelli Eliodoro
16) Cerenzia Ilenia
17) Cesa Lorenzo
18) Cirillo Nicola
19) Comberiati Monica
20) Curcio Eugenia
21) D’Alessandro Ercole
22) D’ Alessandro Luciano
23) De Luca Vincenzo
24) Di Noia Concetta
25) Docimo Giulio
26) Docimo Stefano
27) Drosi Antonella
28) Drosi Valerio Antonio
29) Errigo Natale
30) Esposito Mario
31) Falcone Carmine
32) Faldella Santo
33) Femia Matteo
34) Formica Antonello
35)Gallo Antonio
36) Gallo Francesco
37) Giglio Glenda
38) Gigliotta Umberto
39) Grillone Antonio
40) Guglielmo Rocco
41) Odeta Hasaj
42) Hoxa Bilar
43) Iaquinta Domenico
44) Keta Alban
45) Koci Bledar
46) La Bernarda Giuseppe
47) La Bernarda Rodolfo
48) Baci Henrick
49) Lamanna Giuseppe
50) Larussa Claudio
51) Leone Andrea
52) Lerose Francesco
53) Luzzi Francesco
54) Mancuso Santo
55) Mangone Giuseppe
56) Mantella Francesco
57) Mari Roberto
58) Marinaro Ieso
59) Mazzei Giovanni
60) Melino Antonio
61) Paciullo Liberato Giuseppe
62) Paonessa Daniela
63) Pazieva Rositsa
64) Pirrello Antonino
65) Posca Raffaele
66) Rosa Andrea
67) Rosa Tommaso
68) Rosa Victoria
69) Rotundo Umberto
70) Russo Rolando
71) Servidio Giovanni Lorenzo
72)Silipo Maurizio
73) Sinopoli Maria Teresa
74) Sollecchia GIoriga
75) Stranges Tommaso
76) Talarico Francesco
77) Talarico Rosa
78) Tarantino Matteo
79) Torcia Luca
80) Torcia Rosa
81) Truglia Giuseppe
82) Voci Memlin
83) Volpe Pino
84) Zavatta Alberto
85) Zavatta Claudio