Cenadi, si dimettono il sindaco e i consiglieri comunali

I componenti del gruppo consiliare “Alternativa Cenadese”, nelle persone di Grandinetti Adriano, Greto Gianluca e Totino Vincenzo Antonio annunciano le proprie dimissioni dalla carica di consigliere comunale.

«La decisione – si legge nella lettera di dimissioni protocollata nella tarda mattinata di ieri – è maturata dalle ultime vicende giudiziarie che coinvolgono membri del Consiglio».

Il riferimento è al sindaco di Cenadi, Alessandro Teti e Giovanni Damiano Deodato, consigliere comunale dello stesso centro delle Preserre, invischiati – secondo la Procura della Repubblica guidata da Nicola Gratteri – in ombrose attività che riguardano aste pubbliche per il taglio di lotti boschivi. Entrambi sono indagati a piede libero.

«Pur rispettando il principio della “presunzione di innocenza” – continua la nota dei tre esponenti della minoranza – riteniamo che sia la decisione più opportuna da adottare per il nostro gruppo consiliare».

Anche il sindaco Alessandro Teti si è dimesso per il “rispetto delle istituzioni e per preparare al meglio la mia difesa. Manifesto sin da subito la mia estraneità ai fatti, sicuro che presto sarà accertata dall’autorità giudiziaria “.