Cerca di uccidere il genero ma l’arma s’inceppa, 68enne arrestato

 Arrestato per “tentato omicidio aggravato e premeditato”, “ricettazione” e “porto in luogo pubblico di arma clandestina” un 68enne, operaio, originario e residente nel centro cirotano, accertando che lo stesso, nella medesima mattinata, si sarebbe recato presso un pubblico esercizio, di cui è titolare il genero, un 49enne del luogo, e, nel tentativo di risolvere un diverbio dovuto a vecchie acredini, sfociato in una colluttazione, avrebbe tentato di attingerlo con un’arma da fuoco, senza tuttavia riuscirvi a causa del suo inceppamento, quindi fuggendo immediatamente e lasciandola cadere sul pavimento.

L’arresto, nella serata del 12 ottobre da parte dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cirò Marina.

Gli operanti, immediatamente giunti sul posto, dopo la segnalazione, hanno sin da subito, constatato la presenza sul pavimento di quei locali di una pistola semiautomatica marca “Beretta”, calibro 6.35, con la matricola “punzonata”, al cui interno era ancora inserito un caricatore con 9 colpi, risultata essere da un primo esame inceppata; successivamente, acquisito dalla sua escussione sufficienti elementi di reità nei confronti del suocero, suffragati dall’esame delle immagini di alcune telecamere di videosorveglianza; sequestrato l’arma rinvenuta, sulla quale saranno effettuati gli esami dattiloscopici e le apposite perizie; rintracciato il 68enne presso la sua abitazione, condotto in Caserma per il prosieguo degli accertamenti di rito, è stato arrestato in ragione degli elementi di prova acquisiti, e associato alla Casa Circondariale di Crotone, in attesa dell’udienza di convalida che si terrà nei prossimi giorni.