Da Lamezia a Catanzaro in taxi per comprare droga ai tempi del Covid-19, arrestato

Sorpreso dai carabinieri mentre rientrava a casa dopo essersi recato a Catanzaro, in taxi, con la mascherina ma sprovvisto di qualsiasi autocertificazione, per rifornirsi di sostanze stupefacenti. Così, un giovane lametino di 39 anni è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’uomo è stato quindi sorpreso dai militari mentre rientrava, in violazione delle vigenti misure finalizzate al contenimento del contagio da Covid-19. Durante il controllo ha mostrato forte stato d’agitazione e, pertanto, è stato sottoposto a perquisizione personale all’esito della quale è stato trovato in possesso di 11 grammi circa di eroina e 0.5 di cocaina appena approvvigionati nel capoluogo calabrese.

Il 39enne è stato arrestato e gli è stata applicata la misura degli arresti domiciliari a seguito dell’udienza di convalida tenutasi stamattina per la prima volta in videoconferenza secondo il protocollo d’intesa stipulato fra Tribunale e Procura di Lamezia Terme, Ordine degli Avvocati e Camera Penale.

Il pm aveva chiesto per il 39enne, assistito dall’avvocato Antonio Larussa, la custodia cautelare in carcere, il giudice Nania ha infine disposto i domiciliari come chiesto dalla difesa.